Nel presente sito la Banca di Salerno Credito Cooperativo utilizza cookie, anche di terze parti, che consentono raccoglie informazioni sull’utilizzo del sito da parte dei visitatori. Se si vuole saperne di più o negare il consenso ad alcuni siti cliccare su “LEGGI L'INFORMATIVA”.
Se si CLICCA sul tasto ACCETTO si acconsente, invece, all’utilizzo dei cookie.

bancadisalerno.it

Calcola Online le agevolazioni fiscali del super ammortamento

 

Super ammortamento per i nuovi investimenti fino al 31/12/2016

Iccrea BancaImpresa (IBI), la banca corporate del Credito Cooperativo, offre consulenza, servizi e soluzioni finanziarie e sostiene i progetti di crescita delle imprese.

Banca di Salerno e IBI supportano le imprese nella realizzazione dei loro investimenti anche attraverso servizi di consulenza altamente specialistica su opportunità di carattere agevolativo e fiscale.

Ti segnaliamo la nuova opportunità detta “Superammortamento” prevista dal Governo nella Legge di Stabilità 2015: il “supermammortamento” è  una opportunità per pagare meno imposte già da quest’anno se la tua impresa decide di investire  in beni materiali, anche in locazione finanziaria, entro il 31/12/2016

La Legge di Stabilità (Art.1 commi da 91 a 94 ) infatti introduce la facoltà per imprese e professionisti di dedurre  dal reddito quote di ammortamento fiscale maggiorate o maggiori canoni di leasing finanziario per i beni materiali strumentali nuovi, acquistati dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016.

Se scegli di acquistare un nuovo bene strumentale l’agevolazione consiste nell’incrementare il costo di acquisto fiscale del bene del 40% e sul costo così determinato calcolare gli ammortamenti da poter portare in deduzione dal reddito imponibile (es. a fronte di un costo pari a € 1000 la deduzione dell’ammortamento fiscale potrà essere effettuato su € 1400. Per i soggetti IRES per la quota di ammortamento 2016, il vantaggio netto è pari all’11% del costo(il 27,5% (Ires)  di 40%).

Rientrano nel perimetro applicativo della norma anche tutti i mezzi di trasporto a motore ex articolo 164, D.P.R. 917/1986. Oltre ad inserire il targato, il governo ha anche previsto l’innalzamento della soglia massima di deducibilità delle auto in uso ad aziende e lavoratori autonomi, agenti e rappresentanti di commercio. Con specifico  riferimento agli autoveicoli c.d. a uso promiscuo ex articolo 164, comma 1, lettera b), D.P.R. 917/1986, ossia mezzi di trasporto non esclusivamente utilizzati nell’esercizio di impresa e non assegnati in uso promiscuo ai dipendenti, la  legge di stabilità 2016 prevede anche la maggiorazione del 40% del limite massimo del costo di acquisizione su cui calcolare le quote di ammortamento o le quote capitale dei canoni di leasing fiscalmente deducibili.

L’incremento del 40% riguarda  i soli “limiti assoluti” contenuti nella richiamata disposizione e non anche le percentuali di deducibilità del costo, che rimangono dunque invariate (ovvero il 20% per i mezzi di trasporto utilizzati in modo promiscuo, elevato all’80% per i veicoli utilizzati dagli agenti o dai rappresentanti di commercio).

Pertanto:

  • per le autovetture e autocaravan il limite del costo di acquisizione da 18.075,99 è elevato a 25.306,39;
  • per i motocicli il limite del costo di acquisizione da 4.131,66 è elevato a 5.784,32;
  • per i ciclomotori il limite del costo di acquisizione da 2.065,83 è elevato a 2.892,16.

Restano esclusi dalla misura agevolativa  gli investimenti in beni materiali strumentali per i quali vigono coefficienti tabellari di ammortamento inferiori al 6,5% (beni a più lunga vita utile, quali, ad es., silos, vasche e serbatoi, etc.); investimenti in fabbricati e costruzioni, investimenti in beni di cui all’allegato 3 del citato Decreto  (condutture, condotte, materiale rotabile, aerei, etc.),  i beni usati ed i beni immateriali

Per fruire dell’agevolazione è necessario che il bene venga acquisito (in proprietà o con leasing finanziario) nel periodo 15/10/2015-31/12/2016. Infatti per evitare il blocco degli investimenti negli ultimi due mesi nel 2015, il Governo ha anticipato la decorrenza dell’agevolazione consentendo di usufruire del Super Ammortamento già dal 15 ottobre 2015.

Per individuare il momento di effettuazione degli investimenti, in assenza di precisazioni normative e chiarimenti ufficiali, si ritiene si possano mutuare i criteri forniti con riferimento alle precedenti agevolazioni in materia di investimenti in beni nuovi.

Pertanto, l’investimento, come in passato, si considera realizzato alla data in cui il costo risulta sostenuto fiscalmente e dunque al momento della consegna o spedizione del bene oppure al termine della costruzione per i macchinari e gli impianti eseguiti in appalto.

La data dell’investimento, anche per ciò che riguarda il leasing, corrisponde al momento di consegna all’utilizzatore del bene medesimo. Qualora siano contrattualmente stabilite clausole che rinviano il passaggio della proprietà ad un momento successivo a quello della consegna, come ad esempio il collaudo, ciò che rileva è la data di quest’ultimo. Il pagamento, al contrario, può essere effettuato, integralmente o parzialmente, sia in un momento successivo che precedente rispetto al periodo agevolato. Quindi potranno essere ricompresi anche investimenti avviati prima del 15 ottobre 2015 purché la consegna o la spedizione siano avvenute dopo tale data.

Nel caso del leasing finanziario, l’agevolazione, spettante al solo utilizzatore, consiste nell’incrementare il costo di acquisto fiscale del bene del 40% e sul costo così determinato saranno calcolate le quote capitali deducibili fiscalmente incluse nei canoni di leasing.

Questa ultra deduzione spetterà per tutta la durata fiscale del contratto di leasing, ciò vuol dire che nell’ipotesi in cui la durata prevista contrattualmente sia inferiore a quella minima fiscalmente ammessa dall’art. 102 del TUIR, la deduzione maggiorata riguarderà le quote capitali fiscalmente rilevanti e si estenderà per tutta la durata “fiscale” del leasing, prescindendo da quella contrattuale.

Il superammortamento a confronto tra Acquisto Leasing Finanziario

Alfa Spa acquista un bene in leasing (decorrenza contratto: 1° gennaio 2016). Il costo del bene è 100 mila euro, i canoni di leasing  sono 105 mila euro (90mila quota capitale e 15mila interessi) e il prezzo di riscatto è 10 mila euro (10%).

Il coefficiente di ammortamento fiscale del bene è il 20% e la durata del leasing  è pari a quella fiscale, cioè 2,5 anni (30 mesi).

Alfa Spa potrà elevare il costo di acquisto del 40% ai fini della deducibilità dei canoni e ai fini delle quote di ammortamento sul prezzo di riscatto.

Di seguito il confronto con l'acquisto in proprietà

Anno

ACQUISTO

LEASING

 

Amm.to

Extra
deduzione

Totale
dedotto

Quota
capitale/
canoni

Amm.to/ 
Riscatto

Extra
deduzione

Totale
dedotto

 
 

1

10.000

4.000

14.000

36.000

   -

14.400

50.400

 

2

20.000

8.000

28.000

36.000

   -

14.400

50.400

 

3

20.000

8.000

28.000

18.000

1.000

7.600

26.600

 

4

20.000

8.000

28.000

   -

2.000

800

2.800

 

5

20.000

8.000

28.000

  -

2.000

800

2.800

 

6

10.000

4.000

14.000

-

2.000

800

2.800

 

7

   -

-

                 - 

-

2.000

800

2.800

 

8

-

-

                 - 

-

1.000

400

1.400

 

TOTALE

100.000

40.000

140.000

100.000,00

40.000

140.000

 

 

 

Calcola Online il tuo contributo!

 

  Non esitare a contattare la tua filiale di riferimento per ogni informazione o chiarimento sulle opportunità fiscali e finanziarie offerte sul superammortamento.

 

 

Ti occorre un prestito? calcola la rata con CREDIPERWEB